torna indietro Militanza e ricerche

Viaggio al centro della terra

Ideato e realizzato con gli amici del Diavolo Rosso da febbraio ad aprile 2008
Ciclo di incontri ravvicinati “sul pianeta” con incursioni e risonanze fra scienza, ecologia e poesia.
Come guide, alcuni dei più interessanti esponenti del dibattito ambientalista.
E poi gli “aperitivi 10 km.”, l’installazione semovente “In-difesa dell’agricoltura”, la battaglia per l’acqua pubblica …
Viaggio al centro della terra

Cibo locale
di Giovanni Pensabene

cambiare il mondo?
Facile, come bere un bicchier d’acqua ...
(di A. Mortarino)

Chi di noi non vorrebbe migliorare, trasformare, cambiare il mondo e quel modello di vita “moderno” che pare l’unica conquista del progresso umano e che capiamo essere, al contrario, il limite assoluto alla nostra felicità ed al nostro futuro? Ma da dove iniziare? Forse da uno dei quattro elementi naturali che sono radice dell’intera nostra esistenza: dalla terra o dall’aria o dal fuoco... O dall’acqua. Fonte di vita, diritto di ognuno e di tutti. Ma non quel liquido imprigionato in bottiglie colorate, trasportato per centinaia di chilometri, decantato per le sue millantate virtù. Bensì l’acqua del rubinetto. Sì, la semplice e normale acqua del rubinetto. Quella dell’astigiano che risulta la migliore d’Italia. Quella pubblica: non merce da acquistare ma diritto di tutti, bene comune, non “mia” ma “nostra”, valore assoluto da difendere e da cui partire per ritrovare il senso della comunità e della partecipazione. Un nuovo senso ... Non unico e non vietato. Come la direzione dell’acqua, che sa scorrere modellandosi ad ogni ostacolo. La direzione di una società che conosce i suoi bisogni ma li chiama col loro nome: DIRITTI. Tutte queste cose in un semplice bicchiere d’acqua del rubinetto...
Chi l’avrebbe mai detto?

Ecco perchè da febbraio l’acqua che si potrà bere al Diavolo Rosso sarà solo quella del rubinetto, anche con gas, per gli amatori.

torna indietro